Pensavi di essere ad un colloquio invece eri a scuola

Pensavi di essere ad un colloquio invece eri a scuola

Nota. Scritto da “S”, pubblicato da David Buonaventura.

La mia esperienza lavorativa inizia dopo essermi diplomata in ragioneria, il mio percorso lavorativo inizia da subito nell’amministrazione pura, entro come stagista all’età di 19 anni e esco dopo 10 anni come Responsabile Amministrativa, per anni sono stata  immersa nei numeri,  bilanci, dichiarazioni e quadrature al centesimo….tutto doveva essere rigorosamente perfetto.

Ho avuto la fortuna di essere affiancata da una persona molto competente che mi ha trasmesso tutte le sue conoscenza senza nessuna gelosia, esperienza  per me molto significativa per la formazione della mia persona.

L’azienda si è poi trasferita a Milano e da li è iniziata la mia avventura nelle Risorse Umane che per me è stato vero amore! Avevo 28 anni abbastanza giovane e con poca esperienza nel campo, vengo affiancata  per pochissimo tempo da una figura in uscita, la direzione inizia a farmi fare dei corsi per le parti nelle quali non ero specializzata, inizio con un corso per gestire LE SELEZIONI.


Guarda l’anteprima gratuita del libro Selezioni Inumane su https://amzn.eu/hrvWoz3 


Conosco il docente, classica figura di selezionatore con esperienza significativa, simpatico e molto professionale, dopo aver iniziato con  lezioni teoriche ci avviamo verso le ultime lezioni che prevedevano delle prove pratiche di colloqui con candidati.

Il docente mi chiede di organizzare per le  ultime due lezioni una quindicina di colloqui per “fare pratica” quella dice “è la cosa essenziale!”.

In azienda le candidature dirette erano veramente molte, chiamo quindi gli ultimi candidati che hanno inviato il CV e organizzo due mezze giornate intense di colloqui.

Questi colloqui si sono svolti solo ed esclusivamente per farmi fare pratica, per mettermi alla prova insomma nessuno nella realtà era un candidato potenzialmente da assumere, ripensandoci a distanza di anni e dopo aver letto il vostro libro penso che entriamo nel mondo delle  SELEZIONI INUMANE.

I primi in particolare sono stati svolti dal docente e i candidati sono stati veramente messi in difficoltà, modo per farmi capire tutte le tecniche.. ma… poveri questi candidati!!

Mi fermo qui, oggi ho 40 anni, ho fatto molti altri corsi ma le prove pratiche si sono sempre svolte tra di noi, ho svolto tantissimi altri colloqui e qualcuno sinceramente per sondare il terreno in altre realtà..

S.

Nota. Questo racconto ci è stato inviato da una lettrice di Selezioni Inumane di cui preserviamo l’anonimato. Ci fidiamo della sua testimonianza per cui non abbiamo effettuato alcuna verifica. Il testo è stato leggermente modificato nella forma e nel contenuto per garantire che nessuno si riconosca nella vicenda.

Se anche tu vuoi raccontare la tua storia, puoi trovare le istruzioni nell’apposito capitolo di Selezioni Inumane. Noi la pubblicheremo in questo blog e su tutti i canali social di Colloquio Diretto e Risorse Inumane.

Ciao
David

David Buonaventura

David Buonaventura è il creatore di un Metodo per trovare lavoro evitando i pregiudizi a cui i candidati sono fatti oggetto durante le selezioni. Ha un hobby: superare quei recruiter che non meritano questo titolo.

4 Comments

  1. Beh …e che dire del settore pubblico? Di concerto coi rappressntanti sindacali si organizzò una selezione che al tempo riguardò oltre 500 persone, me compreso, con tanto di esame scritto cui avrebbe fatto seguito l’orale …arrivai 17º come gli anni di allora. Scoprimmo in seguito le prove si fossero svolte al solo scopo di confermare del personale non ancora in ruolo. O meglio scoprii …perché, trovato dell’atro, la mia occupazione mi portò a lavorare proprio nel luogo ed a parlare con quelle persone che erano da confermare. Per me fu un’esperienza. Tornando sulla vicenda, no comment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *